MedAcross

Avviata l'attività clinica alla Basic Health Clinic di Kawthaung

Conclusa la ristrutturazione dell’edificio lo scorso dicembre, la Basic Health Clinic di Kawthaung ha aperto l'attività clinica a gennaio 2017. Il dr. Luca Cordero di Montezemolo, noto pediatra ed ematologo cuneese, ha coordinato l’avviamento della struttura ed iniziato le attività didattiche di formazione dello staff medico locale, al momento composto da un medico e tre infermiere birmane.  Ad oggi la clinica visita circa 45 pazienti al giorno, molti dei quali bambini, ma il numero è in continuo aumento. Le patologie più diffuse sono malnutrizione, HIV, diabete e ipertensione.

Parallelamente è in continua espansione anche il programma di cliniche mobili che settimanalmente visita i villaggi nelle zone rurali limitrofe, ad ore di strada dall’ospedale più vicino, per portare assistenza sanitaria e medicine gratuite.


Si parte!

A Kawthaung, nell’estremo sud del Myanmar, Medacross lavora per garantire il diritto alla salute per tutti.

Qui, in collaborazione con le Religeuses de Notre Dame des Missions, abbiamo ristrutturato ed allestito una Basic Health Clinic che garantirà cure gratuite alla popolazione locale, assistenza speciale per i bambini ed un centro HIV.

In quest’area la povertà, talvolta estrema, rende difficile per le famiglie far fronte alle spese quotidiane e l’accesso alle cure è spesso a rischio. Inoltre l’elevato tasso di abbandono scolastico si trasforma in altre gravi piaghe sociali: prostituzione e diffusione dell’HIV. Il basso livello di scolarizzazione produce generazioni di analfabeti per i quali è impossibile trovare un posto di lavoro dignitoso. In questa situazione l’unica possibilità di sopravvivenza è vendere il proprio corpo ma le conseguenze sono devastanti, soprattutto in una società in cui l’AIDS costituisce ancora un grande stigma.

L'attività clinica sarà ufficialmente avviata il 5 Marzo. Alla Basic Health Clinic di Medacross i pazienti saranno assistiti da medici locali ed internazionali per la prescrizione di farmaci e trattamenti ritirabili gratuitamente presso la farmacia interna. Le infermiere supporteranno inoltre l’inserimento dei pazienti HIV nel programma statale che fornisce settimanalmente i farmaci salvavita, oltre a gestire il Nutritional Program, un supporto economico che permette alle famiglie dei malati in difficoltà di acquistare prodotti sani e acqua potabile.

Nelle foto la vecchia clinica, ospitata nei locali di un'autaofficina, le fasi di ristrutturazione della nuova clinica, la clinica allestita pronta per l'inaugurazione.


Un'estate sicura

In Myanmar, la Mary Chapman School for the Deaf Children è la prima ed unica scuola di Yangon per bambini sordomuti. Nata nel 1920, oggi garantisce istruzione gratuita per oltre 400 bambini sordi. 
Nelle scuole pubbliche del Myanmar, non sono previsti insegnanti di supporto per gli alunni non udenti, che di conseguenza incontrano spesso ostacoli insormontabili nell’apprendimento e solo l'1% riesce a superare l'esame a conclusione del ciclo scolastico primario. 

Nyunt Nyunt Thein, direttrice della scuola, ci racconta le difficoltà che i suoi alunni, ed in particolare le bambine, affrontano nella vita di tutti i giorni, quando tornano nei loro villaggi per le vacanze estive: "I genitori sperano che i loro figli siano in grado di cavarsela nel mondo reale, così li incoraggiano ad uscire e a relazionarsi anche con le persone udenti. Alcuni genitori di ragazze sorde, invece, le rinchiudono nelle loro case quando hanno finito la scuola, perché pensano che sia il posto più tranquillo, esente da pericoli. Alla Mary Chapman School le ragazze possono vivere in un ambiente più sicuro perché tutti noi capiamo cosa vuol dire essere sordi. Nei villaggi, tuttavia, non sono così disponibili e purtroppo queste ragazze a volte sono anche bersagli degli stupratori. Tra le nostre ragazze ci sono innumerevoli casi di stupro avvenuti durante la pausa estiva, quando gli studenti devono lasciare Yangon e tornare nei loro villaggi per tre mesi. La loro disabilità e la difficoltà di comunicare con i propri cari è usata come vantaggio per gli stupratori, che  talvolta provengono dalla loro stessa famiglia. Tre mesi sono lunghi e spesso insopportabili per le nostre ragazze, vorremmo poterle proteggere anche d'estate, un momento che dovrebbe essere di spensieratezza ed invece si trasforma in un incubo".
Medacross ha accolto con gioia la richiesta di aiuto della Mary Chapman School. La prossima estate garantiremo a 25 bambine e ragazze la certezza di trascorrere un'estate serena. 


3